GuideSEO

Come creare contenuti SEO-friendly [Guida]

Il segreto di un contenuto SEO-friendly si cela dietro la sapiente mescolanza di conoscenze, skill e tool gratuiti da parte del webmaster. Non si tratta di un lavoro facile, tutt’altro! Però si può imparare e, alla lunga, i benefici oltrepassano di gran lunga gli sforzi richiesti.

Ecco la ricetta speciale per rendere i vostri contenuti SEO-Friendly:

Ingrediente 1 – Le Parole Chiave

Scegliete con cura le parole chiave da utilizzare nelle vostre pagine, ancor prima di iniziare a scrivere. Le keyword rappresentano uno degli aspetti più significativi del SEO, e non vanno trascurate. Potete servirvi del tool keyword di AdWords oppure di altri strumenti gratuiti per ricercare le vostre keyword, ma fate attenzione che non siano altamente competitive e che descrivano bene i vostri contenuti. Pensate anche a come un utente vi cercherebbe sul Web; aiuta molto. Fate particolare attenzione a mettere le parole chiave nel primo paragrafo del vostro testo, e non cadete nella trappola del keyword stuffing: finireste bannati!

Ingrediente 2 – Sfruttate tutti gli strumenti di Google Analytics

Google Analytics è gratis, ma c’è di più: è un tool di analisi davvero completo, vi suggerisce le keyword più gettonate dai vostri visitatori e da pochi mesi consente anche la visualizzazione dei dati sul traffico in real-time.

Ingrediente 3 – Usate WordPress? Andate di plugin SEO!

Molti plugin WordPress per il SEO vi consentiranno di ottimizzare l’intero blog per una migliore indicizzazione e salita nelle SERP. Alcuni plugin vi aiuteranno anche a condividere i vostri contenuti su Twitter, Facebook e altri importanti Social Media.

Ingrediente 4 – Link Interni ed Esterni

Avrete bisogno di entrambi. Chi vorrebbe mai linkare un sito che non linka a sua volta? Il Web non è posto adatto ai tirchi. Fate soltanto attenzione a non linkare siti web penalizzati o contenenti dosi massicce di spam. Per quanto riguarda i link interni, invece strutturateli in maniera tale da collegare in modo semantico le diverse pagine del vostro sito, prestando particolare attenzione alle keyword usate come ancore.

Ingrediente 5 – Solo SEO White Hat

Il cappello bianco porta risultati in maniera lenta ma inesorabile. Il nero e il grigio, invece, potrebbero mandare all’aria il vostro lavoro in poche settimane. Informatevi sempre sulle tecniche SEO che andrete ad applicare: se si tratta di qualcosa di disonesto o più simile ad un sotterfugio, potreste trovarvi nella zona grigia o nera.

Ingrediente 6 – Rivolgetevi al pubblico

I vostri contenuti vengono letti da un pubblico, che viene da voi per risolvere un problema o informarsi. Rivolgetevi dunque a chi vi legge, e non soltanto con i pronomi: aggiungete video, immagini, esempi e citazioni al vostro testo, in modo da renderlo interessante e fruibile sotto più di un aspetto.

Ingrediente 7 – Leggibilità innanzitutto

Ottimizzare per il Web non significa rendere il testo illeggibile per gli utenti umani! Al contrario, mai come ora i motori di ricerca si preoccupano innanzitutto del grado di gradimento dell’utenza media. I motori di ricerca, ricordatevelo, stanno dalla parte dell’utente medio, non dalla parte dei SEO. D’altro canto, perché un utente dovrebbe restare sulla vostra pagina a leggere un testo che non capisce? Rendete i vostri contenuti più leggibili e ne trarrà beneficio anche il vostro tasso di rimbalzo (bounce rate).

Articoli simili

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Back to top button