Pinging Backlinks : 5 tools per ottimizzare il lavoro di link building

Quando si parla di link building e di tutte le attività a corredo di questo enorme lavoro che ha come scopo quello di ottimizzare il posizionamento di keywords, se ne dimentica spesso una : il pinging dei backlinks.

Ma, di cosa si tratta in particolare? Per pinging backlinks si intende quella tecnica particolare volta a segnalare ai motori di ricerca che é stato scritto (o aggiornato) un nuovo contenuto nel web. Infatti, é bene sapere che, mentre sputate sangue nel vostro lavoro SEO e nella creazione di backlinks utili al vostro sito, potrebbe accadere (cosa decisamente non rara) che i contenuti con i vostri link creati vengano ‘spiderizzati’ e, quindi, indicizzati, da Google in tempi non propriamente rapidi.

Fino a che si tratta di qualche ora o giorno, poco male, ma capita che il tempo che passa sia anche di settimane (se non mesi). Capite quanto questo rischi di annullare i vostri sforzi o, quanto meno ritardare notevolmente i risultati del vostro lavoro.

Basta pensare che blog providers come Blogger o WordPress segnalano in automatico, quando pubblicate un nuovo post, l’evento a molti servizi cosiccché la possibilità che il contenuto creato sia indicizzato in tempi brevissimi cresce molto.

Ma quali backlinks possiamo pingare? In teoria, non abbiamo limiti in tal senso, ma il consiglio si rivolge alle seguenti categorie :

- Backlinks in contenuti : se avete inserito una recensione o un guest post o un comunicato stampa e volete che Google lo noti in fretta, potete pingare il link del contenuto stesso.

- Commenti Dofollow : se avete inserito un commento dofollow in un blog, potete sia pingare il link del contenuto che contiene il commento o il commento stesso

- Permalink su forum : allo stesso modo dei commenti, anche permalink su forum possono essere pingati

E ora veniamo al succo del discorso.

Pinging Backlinks : 5 tools

Ping-O-Matic : Gratuito e con ping illimitati

Pingler : account gratuito consente solo 25 url da pingare al giorno. Esiste anche come plugin di WP

Pingdevice : grafica spartana,ma servizio gratuito e illimitato

PingFarm : illimitato e consente anche di prelevare lista di URL da file di testo.

Linklicious : occorre registrarsi. La versione gratuita consente di schedulare 2500 link al giorno.


1 Commento all'articolo

  1. Article Spinning : 6 motivi per stare attenti a questa tecnica nell'Article Marketing - 23 dicembre 2011

    [...] tecnica é spesso utilizzata nell’Article Marketing in cui si cercano buoni backlinks scrivendo un solo contenuto di qualità e utilizzando software appositi che ‘spinnano’ [...]

Lascia un commento

You might also likeclose