Cosa sono gli SSD e come si installano sul computer

SSD

Per migliorare le prestazioni del proprio sistema operativo ci sono tanti piccoli interventi che si possono fare, come liberare la memoria da programmi inutilizzati, spostare un po’ di file e cancellare quelli inutili, correggere le chiavi di registro ed eseguire pulizie periodiche con dei software specifici realizzati con la finalità di migliorare il funzionamento del S.O.

Dopo queste operazioni si può scegliere di installare un SSD, un’unità a stato solido, delle memorie di masse con tecnologia Flash, che si basa su semiconduttori per l’archiviare i file.

Sono diversi dai soliti hard disk per la velocità e per il materiale con cui sono costruiti, infatti, resistono molto meglio agli urti e alle intemperie.

Gli SSD possono essere installati nel computer oppure usati esternamente, danno la possibilità di avviare programmi pesanti in pochissimi secondi, compresi i sistemi operativi come Windows, Linux e Mac OS X.

Scegliere il miglior ssd esterno è la soluzione sicura per avere prestazioni di altissimo livello, inoltre, rispetto agli hard disk, scaldano meno e non fanno rumore.

Ovviamente, come per tutte le cose, ci sono anche dei lati negativi: gli SSD sono decisamente più costosi degli hard disk, poi presentano dei limiti nella riscrittura che li fa durare di meno, anche se si stima che un utente che fa un uso standard del pc difficilmente arriva a superarli.

Gli ssd esterni, come accade per gli hard disk, vengono collegati al pc tramite cavo USB, sono dei prodotti ottimi ma costano davvero tanto rispetto  ai dischi USB meccanici.

Inoltre, anche il miglior ssd esterno non è indicato per fare backup, in quanto ha una sorta di “scadenza”, accennata in precedenza, e col tempo si potrebbero perdere tutti i dati.

In commercio sono disponibili gli SSD da 2,5 pollici esclusivamente per uso interno, si installano direttamente nel computer con dei connettori SATA 2 o SATA3, a seconda del tipo di prestazione che si desidera durante il trasferimento dei dati.

Scegliendo il SATA 3 il trasferimento dei dati sarà più veloce, si parla di 6 Gps, mentre con il SATA 2 si avrà un trasferimento a 3 Gps, quindi il tutto dipende dalla velocità che si desidera ottenere.

Meta Description: Una panoramica sugli SSD interni ed esterni e su come si collegano all’interno del computer.

Nessun commento.

Lascia un commento