Archivio della categoria ‘Applicazioni’

Come creare una app di successo

Ormai sono entrate nel linguaggio e nel pensiero comune, tutti le usano e ne nascono quotidianamente di nuove. Stiamo parlando delle applicazioni, le cosiddette “app”, cioè i software per smartphone, tablet e pc, pensati e creati per svolgere determinate funzioni e offrire servizi, ma anche per garantire una maggiore interconnessione tra programmi, piattaforme e social network. Le app hanno letteralmente rivoluzionato il nostro modo di interagire con lo smartphone e di interfacciarci con il mondo del web, il quale è diventato non solo uno spazio di connessione costante ma anche e soprattutto un ampliamento virtuale del mondo reale. Questo ovviamente ha influito anche sul mondo del lavoro: aziende, attività commerciali e industriali e start-up hanno allargato a dismisura le proprie possibilità di comunicazione, pubblicità e markenting, ed è per tale motivo che le applicazioni sono diventate tanto importanti.

Esse permettono infatti di fidelizzare il cliente, di tenerlo aggiornato sulle proprie attività, di informarlo su offerte o innovazioni, di interagire con lui e rispondere alle sue domande. Le applicazioni – insieme ai social network – hanno in un certo senso abbattuto il muro di incomunicabilità o comunque di formalismo che spesso si creava tra “azienda” e “fruitore”, trasformando l’attività lavorativa in una possibilità di scambio, approfondimento e conoscenza reciproca. Sono sempre più numerose, quindi, le realtà che decidono di creare una propria app, per offrire alla clientela i servizi di cui si ritiene essa possa avere bisogno: ad una start-up di turismo sostenibile servirà quindi un’app per prenotare velocemente nelle strutture del network, mentre un’attività di food delivering preferirà un’app che permetta ai clienti i ordinare al volo qualcosa da mangiare al proprio domicilio. Allo stesso modo, un’azienda di innovazione tecnologica potrebbe aver bisogno di un’app dedicata per tenere informati i fruitori e gli interessati delle principali novità. Insomma, a ciascuno la sua: l’importante è avere ben chiaro in testa cosa si vuole comunicare, a chi, e in che modo. Al resto ci pensano le realtà come Witapp.it, che offrono alla clientela servizi di creazione di app su misura, siti web professionali e integrazione tra i sistemi, comprensivi di licenza free use.

Ma quali sono i segreti per creare un’app di successo? Cosa bisogna tenere a mente affinché la propria app funzioni e raggiunga il suo obiettivo? Contrariamente a quanto si pensa, non si tratta solo di avere buoni programmatori e capacità di decodificare gli intricati linguaggi del web: si tratta principalmente di una questione di pianificazione e chiarezza.

É molto importante, infatti, partire da una buona progettazione. Per creare un’app adatta ad un business, è necessario chiedersi in che modo l’applicazione può aiutare l’attività, prendendo magari spunto da altri competitors, da realtà simili alla tua o da applicazioni che ritieni particolarmente d’impatto. Capire cosa ti piace o meno è un ottimo punto di partenza. Una seconda cosa importante da considerare è ovviamente il budget, che deve comprendere non solo il costo dell’applicazione in sé, ma anche quello del marketing e quello dell’aggiornamento. La tecnologia varia e si evolve molto velocemente e l’aggiornamento è imprescindibile per un’app di successo. Inoltre, è fondamentale pensare ad un’app che sia fruibile per gli utenti dei diversi sistemi operativi, principalmente Android e iOs, i due più diffusi.

Apple Music: cosa è

In principio chi desiderava ascoltare musica in streaming si affidava , tra tutti, al servizio gratuito offerto da Spotify il quale, in cambio di qualche pausa pubblicitaria tra una traccia e l’altra, permetteva di ascoltare buona musica a costo zero.

Ora per gli utilizzatori del caro mela fonino è arrivata un’alternativa ideata e prodotta direttamente dai programmatori Apple: si tratta di Apple Music, un’applicazione, gratuita solo nel primo periodo di prova, con la quale ascoltare in streaming qualcosa come oltre 30 milioni di brani spaziando tra i generi più diversi e con la possibilità di creare una propria playlist, scaricare i brani sul dispositivo e non avere limiti di skip.

La mela più famosa nel mondo della tecnologia ha così pensato, contrariamente a quanto creduto in passato dal compianto Steve Jobs, che lo streaming rappresenti la nuova frontiera del Web ed ha quindi deciso di investire in un nuovo prodotto che sicuramente farà felici tutti coloro che amano Apple e contemporaneamente desiderano ascoltare buona musica ovunque si trovino.

Com’è facile immaginare, Apple non è solita alla produzione di applicazioni totalmente gratuite ed Apple Music non fa eccezione. A ben dire, però, in questo caso gli utenti avranno a disposizione ben 3 mesi di prova gratuita dopo i quali potranno decidere se continuare ad usufruire del servizio con un costo di 9,99 euro mensili.

Attualmente l’applicazione Apple Music (trovate info in merito anche su segugioinformatico.it) è utilizzabile su tutti gli smartphone Apple e gli iPad semplicemente aprendo l’applicazione Musica. Grazie all’interfaccia rinnovata graficamente, ora cercare e trovare il brano che si desidera ascoltare è più semplice che mai: basterà scrivere il nome della canzone o quello dell’artista nell’apposita barra di ricerca ed il gioco è fatto. E se volete farvi ispirare dagli esperti Apple che ogni giorno vanno a caccia di brani nuovi e sound sempre diversi ed interessanti, basterà scegliere di far partire una delle loro playlist sempre aggiornate.

Con Apple Music tutti ma proprio tutti riescono a trovare la propria dimensione musicale ideale: gli amanti della radio, ad esempio, potranno ascoltare grazie all’app l’esclusiva Radio Beats 1.

Come fare il Backup dei nostri SMS su Gmail

Possiamo salvare i nostri SMS trasportandoli nella nostra Scheda SD. Possiamo anche passarli su Google Drive. E non solo: anche di cellulare in cellulare. Ma non è finita qui la magia…possiamo anche passare questi messaggi direttamente nel nostro account di Gmail. Siete pronti a scoprire come fare grazie a questa guida?

Per prima cosa procuratevi l’App SMS Backup+ . Dopodiché andate nelle vostre impostazioni di Gmail relative al POP e l’IMAP. Al suo interno dovete attivare l’IMAP, che servirà per ricevere i nostri messaggi attraverso il programma.

Una volta installato ed avviato il programma, premete pure su Connect (o connetti) e selezionate il vostro account di Google con il quale avete attivato l’IMAP e volete che riceva i vostri SMS da salvare. Dategli pure tutti i permessi necessari se richiesto. Alla richiesta del programma d’effettuare il primo Backup, confermate e aspettate pazientemente. Ovviamente durante quest’operazione il cellulare ha bisogno d’una buona disponibilità di connessione dati (Wifi o 3G/4G che sia) se volete che il tutto venga concluso senza aspettare veramente troppo.

Nel frattempo potete controllare se i vostri messaggi stanno venendo effettivamente mandati al vostro account di Gmail. Tutti i messaggi verranno aggiunti sotto un tag o una cartella personalizzata che si chiama “SMS”. Tutti i vostri messaggi salvati hanno infatti quel nome come titolo. Fate caso che messaggi speciali o specifici, come gli MMS, non possono venir salvati con efficienza dal programma e questo può comportare dei messaggi corrotti o con un contenuto errato.

SMS Backup+ può anche darvi una mano per effettuare dei backup automatici. Ora che avete connesso il vostro account di Gmail con questo programma, potete infatti generare un backup a tempi predeterminati (da mezz’ora fino a ogni 24 ore). I messaggi che sono già stati mandati in Backup non subiranno la stessa operazione, quindi non preoccupatevi d’ottenere dei doppioni.

Nel caso in cui non vi troviate bene usando questo metodo vi consigliamo di comprare un bel telefono nuovo su Grepair.

La cartomanzia nelle applicazioni per smartphone

Nonostante la crisi vi sono settori che non conoscono battute d’arresto come nel caso della cartomanzia. Che si tratti di consulti dal vivo, al telefono o attraverso il Web, i dati parlano chiaro: ogni giorno, solo in Italia, i consulti con i cartomanti sono circa 40.000 con ben 200.000 lavoratori in questo settore che pare essere tra i pochi in continua ascesa.

Nessuna differenza pare esserci tra uomini e donne. Tutti, infatti, sembrano aver voglia di consultare il proprio futuro attraverso la cartomanzia con una sola sostanziale differenza tra maschi e femmine: i primi chiedono maggiormente consulti sulla realizzazione della vita professionale mentre il gentil sesso pare più interessato a conoscere come andrà la vita sentimentale.

Con una crescita del 18% rispetto allo scorso anno, la cartomanzia sembra non voler arrestare la sua corsa e per essere sicuri che il trend non si modifichi in negativo da qualche tempo è arrivata anche la cartomanzia nelle applicazioni, veri e propri programmi scaricabili sui propri smartphone a prescindere dal sistema operativo posseduto. Con questo innovativo passo in avanti sarà quindi possibile avere i Tarocchi sempre a portata di mano senza dover rinunciare ad un consulto dell’ultimo minuto.

Tra le applicazioni per cartomanzia più diffuse sia per telefonini Apple che Android , quella di certo maggiormente degna di nota è “Divò”, un’ applicazione scaricabile da iTunes e Google Play Store con la quale consultare i tarocchi e poi condividere in diretta il risultato delle carte con uno degli operatori in linea che visualizzerà le stesse carte dell’utente e potrà fornire maggiori delucidazioni al cliente attraverso la chat.

Per cartomanzia nelle applicazioni degna di nota è anche “Tarocchi gratis”, disponibile per i soli dispositivi Android, con la quale consultare a scelta i Tarocchi celtici, egiziani, di Osho, degli Arcangeli e molti altri o anche richiedere la risoluzione di un dubbio veloce mediante l’opzione “sì o no” con la quale chiedere all’applicazione una risposta secca ad una domanda precisa.

Applicazioni mobile : Il tennis in mobilità

In occasione dei prossimi tornei di tennis WTA e ATP gli appassionati di questo sport potranno scommettere su partite, set e giocatori comodamente dal display del cellulare, tramite l’App di bwin per scommettere in mobilità. Già da qualche mese il famoso bookmaker tedesco ha lanciato sul mercato Apple e Android delle simpatiche App per facilitare la vita dello scommettitore che durante il giorno si trova lontano dalla sua abituale postazione pc fissa. Scaricando le App dagli Stores dei gestori mobili si potrà scommettere all’indirizzo https://www.bwin.it/tennis sui tornei di tennis 2014, che risultano già indicati in palinsesto. Bwin è un sito di enorme successo che non poteva fare a meno di evolversi dirigendosi verso le nuove frontiere della telefonia mobile, creando per i clienti delle App facili da usare, gratuite, immediate e dotate di una grafica molto chiara. Dal numero di download effettuati giornalmente, si capisce subito che le App di bwin stanno avendo un enorme successo tra i clienti che desiderano essere sempre aggiornati sulle ultime novità riguardanti lo sport. I clienti Apple scaricheranno l’App di bwin dall’app store del proprio cellulare, mentre i clienti Android la scaricheranno collegandosi al Play Store, in entrambi i casi comunque bisognerà accettare le condizioni d’uso del gestore. Prima di scaricare l’App mobile il nuovo cliente di bwin dovrà registrarsi al sito dal pc fisso perché solo così potrà ricevere sul suo conto di gioco il bonus di benvenuto in denaro, che il bookmaker austriaco regala ai suoi nuovi clienti. l’App mobile di bwin si comporta in maniera simile al sito, le scommesse vengono indicate ordinatamente in palinsesto assieme alla data in cui si svolgerà l’evento sportivo e alle quote. Scaricando sul cellulare l’App di bwin, lo scommettitore eviterà di fare la coda ai punti scommessa cittadini e inoltre potrà godere delle quote scommessa online più alte del momento. 

Metatrade 4 e Metatrade 5: le piattaforme ideali per il forex trading

Il settore del forex trading è in costante crescita e per tali motivi gli strumenti, in particolare le piattaforme, capaci di fornire i giusti strumenti sono anch’esse in crescita sebbene è sempre il caso, in questo particolare campo, affidarsi a servizio consolidati capaci di porre la propria esperienza al servizio degli utenti. E’ il caso […]

Come telefonare con iPad utilizzando Skype

Da quando iPad ha fatto il suo debutto negli Usa il 3 aprile del 2010, in pochi avrebbero scommesso sul successo del tablet magico della Apple che poi ha radicalmente modificato il modo di lettura dei contenuti e non solo. Non è un caso se al momento della scrittura di questo post sono stati ben […]

Impostare vibrazioni personalizzate ai contatti Android

Se ti hanno chiamato sul cellulare durante una riunione in cui eri impossibilitato a rispondere, volevo segnalarti una notizia che potrebbe interessarti: da pochi giorni è disponibile su Google Play Vybe, l’applicazione Android per impostare vibrazioni personalizzate ai tuoi contatti: obiettivo di quest’app gratuita, sviluppata da Itchy Fingerz Digital Studios e compatibile con le versioni […]

iSMS2droid, l’app gratuita per spostare SMS da iPhone ad Android

Il successo di app di messaggistica istantanea del calibro di WhatsApp, IM , Verbs, Line, Kik Messenger, BeejiveIM e via dicendo ha ridotto l’invio e la ricezione degli SMS. Tuttavia, sono molti coloro che per comunicare preferiscono il tradizionale messaggino piuttosto che la telefonata o il download di una delle suddette mobile app. Se perciò, […]

Giocare a carte su Android: 5 app gratuite

Giocare a carte è da sempre uno dei passatempi preferiti, ma i tempi cambiano e per quanto le regole non subiscano modifiche, non si può invece dire lo stesso per la giocabilità. Se infatti possiedi un dispositivo mobile targato Android, con questo articolo ti suggerirò 5 app gratuite per giocare a carte sul tuo smartphone/tablet. […]

Pages: 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 Next